giovedì 27 ottobre 2016

La fotografia di Elina Brotherus

“Ho trasferito il dolore in un bellissimo oggetto che può essere ammirato con distacco, e questo mi consola un po’. In un certo senso è banale, ma è come se l'arte legittimasse il dolore. Credo che in questo modo un sacco di artisti facciano un uso indecente dell’infelicità convertendola a fondamento della propria arte ".
L’indagine fotografica di Elina Brotherus affronta tematiche personali legate all’identità, al corpo, allo spazio e alla stretta relazione tra l’uno e l’altro. La fotografa finlandese si avvale dell’autoritratto per costruire immagini che traslatano dubbi e tragedie della vita personale in immagini.
Nata a Helsinki nel 1972, Elina Brotherus si è laureata in chimica analitica presso l'Università di Helsinki nel 1997, prima di completare un Master di fotografia presso l'Università di Arte e Design di Helsinki nel 2000. Considerata uno tra i membri di spicco di quella che viene denominata la "Scuola di Helsinki", Elina vive attualmente tra la Francia e la Finlandia. 
I lavori della fotografa finlandese si confrontano con la vita privata: il lutto, la nascita e la fine dell'amore. Nella serie “Annonciation”, Elina affronta un tema tabù: quello della sterilità involontaria. “Annonciation” è la storia personale dei numerosi sforzi della fotografa di rimanere incinta, attraverso un trattamento di cinque anni contro l'infertilità. Con questo lavoro Elina Brotherus racconta, in immagini, l’altalenarsi di speranza e disperazione.
Accanto a una ricerca propriamente documentaria, il lavoro di Elina Brotherus si è concentrato, soprattutto negli ultimi anni sulla relazione tra la figura umana e il paesaggio. L'indagine fotografica, partendo dalla figura umana, enfatizza lo spazio che la stessa occupa nell'ambiente naturale. Il corpo avvolto in uno scenario metaforico invita lo spettatore non solo a contemplare da fuori (come osservatore), ma anche a entrare nell’essenza stessa dell’opera, identificandosi con il soggetto (come protagonista).
Molte delle opere di Elina Brotherus mediano la realtà o la vita attraverso il riferimento pittorico. Illuminate da un'ossessiva ricerca della bellezza, le immagini della fotografa colpiscono per perfezione tecnica e incisività emotiva.
Le sue opere rientrano in numerose collezioni pubbliche internazionali – tra cui la Fondación ARCO di Madrid, il Moderna Museet di Stoccolma e il MAXXI di Roma – e altrettanto illustri sono i premi che le sono stati conferiti – come il Prix Niépce nel 2005 e il Finnish State Prize for Photography nel 2008. 

Vi consiglio di dare uno sguardo al sito internet dell'artista per avere una visione completa della sua opera.

Leggi tutto...

lunedì 24 ottobre 2016

Vi regaliamo una Lomo'Instant White Edition

Hai capito bene, Blog fotografia artistica mette in palio una macchina Lomo'Instant White Edition con 10 pellicole incluse.
Della Lomo'Instant White Edition avevamo già parlato in un post che illustrava le migliori fotocamere istantanee presenti nel mercato fotografico (Leggi articolo). Si tratta di una camera istantanea dotata di una lente grandangolare (equivalente a un 27 mm su formato 135) che vi permetterà di sbizzarrirvi ed entrare nel magico mondo della fotografia instantanea. 
Introducing The Lomo'Instant from Lomography on Vimeo.

COME PARTECIPARE?
Partecipare è semplicissimoSe siete già followers della nostra pagina Facebook, dovete semplicemente inserire la vostra email nel riquadro qui sotto e cliccare il pulsante Subscribe. Qualora ancora non lo siate, è sufficiente mettere like alla nostra pagina Facebook (qui) prima di inserire la vostra mail nel riquadro.  
Inserisci qui la tua mail:
Tra tutti i partecipanti verrà sorteggiato un fortunato e il pacco, contenente la fotocamera e le pellicole, sarà spedito direttamente a casa vostra. Affrettatevi e non perdete questa opportunità, avete tempo fino al 6 Novembre 2016!

Leggi tutto...

mercoledì 19 ottobre 2016

I paesaggi fotografici di Douglas Mandry

Il lavoro di Douglas Mandry si basa sui processi di manipolazione delle immagini al fine di mettere in discussione il rapporto con la natura indicale del mezzo fotografico.

Nato nel 1989 a Ginevra, dopo aver ottenuto una laurea nel 2013 in comunicazione visiva e fotografia, con il massimo dei voti, presso l’Università  di arte e design ECAL, Douglas Mandry si è trasferito a Zurigo, dove tuttora vive. 


Le sue indagini fotografiche sperimentano su vari processi di modifica e alterazione dell’immagine, ora manualmente sulle stampe analogiche, ora servendosi del digitale e della ricostruzione 3D. Il fotografo svizzero, distorcendo la materialità del mezzo fotografico, s’interroga sulla qualità rappresentativa dell’immagine fotografica e sulla sua relazione con il mondo naturale
L’evidenza rappresentativa dell’immagine fotografica ci offre le cose con un’immediatezza autoptica che ci dà spesso l’illusione di viverle in prima persona come fossero autentiche. Tuttavia, rappresentando il reale, Douglas Mandry lo filtra e lo traslada in immagini  paesaggistiche sempre attente all’estetica del risultato, che estraggono gli elementi significativi per ricomporli in un nuovo ordine, un nuovo kósmos.
Vi consiglio di dare uno sguardo al sito dell'artista per avere una visione completa della sua opera.
Leggi tutto...

giovedì 13 ottobre 2016

Ricoh THETA SC: fotografia a 360°

Negli ultimi anni si sta assistendo ad un boom  sul mercato di diverse Cam 360° per registrare immagini sferiche. Ricoh era stato il primo produttore a scommettere in questo settore con la THETA S. La società giapponese lancia ora un nuovo modello, La THETA SC con l’obiettivo di portare la fotografia 360 gradi al grande pubblico, grazie ad un prezzo altamente competitivo per il settore. 

Questo nuovo modello incorpora un sensore dalla risoluzione di 14 megapixel. Sottile e leggera, la THETA SC è dotata di due obiettivi grandangolari di 180 gradi per elaborare foto panoramiche. 
Nello specifico si tratta di due lenti concentriche a riflessione interna con apertura ƒ / 2.0. La registrazione video avviene a 1920x1080 e 30 fotogrammi al secondo, per una durata massima di cinque minuti. Prevista la possibilità di riprendere immagini in timeslot per creare timelapse. Il prezzo di lancio è di 299 euro.
Leggi tutto...

martedì 11 ottobre 2016

Le narrazioni fotografiche di David Hilliard

“Mio padre e mio nonno erano entrambi appassionati di fotografia. All'inizio ho solo seguito il loro esempio. Tuttavia la mia connessione con il mezzo fotografico è cresciuta rapidamente in maniera più profonda. La fotografia è diventata un veicolo attraverso il quale sono riuscito ad avere una sorta di controllo su quello che mi accadeva. Ho potuto ordinare gli eventi, classificare amici e luoghi, modificare il mio mondo. La fotografia ha reso la mia vita più chiara”. 


David Hilliard è un fotografo americano, nato nel 1964 a Lowell, in Massachusetts, che lavora con serie di pannelli, per lo più trittici, che presentano narrazioni panoramiche che documentano la sua vita e quella di chi lo circonda attraverso un delicato equilibrio tra realtà e finzione. 
Le immagini di Hilliard raccontano storie di desiderio, identità e relazioni personali. Hilliard sviluppa, con la composizione panoramica, un nuovo linguaggio visivo che si confronta con i limiti della singola immagine. La creazione di un insieme di diverse parti permette di insinuare i concetti d’individualità e collettività e rappresentare lo spazio con una forma di narrazione che si muove nel tempo

Ogni immagine ha un proprio piano prospettico ed un proprio punto di fuoco. La distanza fisica viene quindi spesso manipolata dal fotografo americano per rappresentare la distanza emotiva, in un gioco che guida continuamente lo spettatore dall'esperienza personale, all'universale in un susseguirsi di piani e eventi in stretta connessione.

David Hilliard è attualmente docente del dipartimento di fotografia dell’Università di Yale. Nel 2001 è stato insignito della Guggenheim Fellowship

Vi consiglio di dare uno sguardo al sito web del fotografo per avere una visione completa del suo lavoro.
Leggi tutto...

mercoledì 5 ottobre 2016

Le migliori fotocamere istantanee sul mercato - Guida Completa

Guardare attraverso un obiettivo, premere un bottone ed estrarre una pellicola. Attendere un po’ di tempo e vedere l'immagine che si materializza, prendendo forma e colore. Nonostante oggi ognuno di noi abbia in tasca un cellulare dotato di una fotocamera, si assiste all’inesorabile ritorno in voga del fascino della fotografia istantanea
La fotografia istantanea è un tipo di stampa fotografica che permette di ottenere fotografie in tempo relativamente breve (dell'ordine di secondi o minuti) a seguito di uno scatto. Le più popolari macchine fotografiche in grado di eseguire questa tecnica erano prodotte dalla Polaroid Corporation ed ebbero un grande successo soprattutto durante gli anni 70 e 80. Tuttavia a causa del cambio del mercato fotografico verso la fotografia digitale, Polaroid smise di produrre pellicole istantanee analogiche. Sembrava essere giunti alla morte della fotografia istantanea, ma inaspettatamente il mercato si è ravvivato, attraendo l’interesse di un sempre maggior numero di consumatori. Case produttrici quali Fujifilm, Lomography e da poco anche Leica hanno iniziato a scommettere in questo settore. Inoltre grazie all’Impossible Project si è tornati alla produzione di pellicole per le vecchie polaroid.

Oggi esistono diverse alternative di fotocamere istantanee. Questa guida intende chiarire il panorama di fotocamere per facilitare una scelta consapevole.

Formato pellicola Instax Mini

Esistono diverse macchine istantanee che supportano il formato Instax Mini. Si tratta di una pellicola creata da Fujifilm che produce fotografie di 46mm x 62mm. Se vogliamo una macchina per questo tipo di pellicola possiamo scegliere tra:
 


La Fujifilm Instax Mini 8 è una fotocamera instantanea basica e facile da usare, disponibile in 5 colori (bianca, blu, rosa, gialla e nera). Non è esattamente tascabile, ma pesa solo 307g. Provvista di 5 differenti livelli di esposizione tra cui scegliere: Interni, Notte, Nuvoloso, Ombra, Soleggiato, Leggermente all’ombra e Molto Soleggiato. Non è fornita di autofocus e ha un range di scatto che va da 0.6m a 2.7m, quindi è necessario essere relativamente vicini al soggetto. Il prezzo oscilla sui 70 euro.





La Lomo'Instant e’ una camera con obiettivo di 27mm, che prevede la possibilità di montare anche un fisheye da 170° o un 35mm. Le modalità di scatto supportate sono tre: automatica e manuale con e senza flash. La velocità dell'otturatore è di 1/125s, con la possibilità di compensare manualmente l'esposizione (+2/-2), L'apertura è variabile, e comprende f/8, f/11, f/16, f/22 e f/32. Il selettore di messa a fuoco permette di scegliere da 1m-infinito a 0.4-0.9m, il selettore MX la realizzazione di esposizioni multiple. La fotocamera e' dotata di un piccolo specchietto che facilita la realizzazione di selfie. Diversi sono i tipi i commercio e i prezzi variano a seconda del modello. Si parte dai 79 euro della Lomo'Instant Black o White, fino ad arrivare ai 139 euro della Lomo’Instant Reykjavik con le tre lenti incluse. 




La Fujifilm Instax Mini 90 Neo Classic e' una fotocamera dal design accattivante che richiama alla serie X. Dotata di flash e di una serie di modalità di scatto come il bulb e la doppia esposizione, la Mini 90 prevede la possibilità di realizzare fotografie macro grazie ad un'apposita modalità; sono disponibili inoltre la modalità kids, che permette di fotografare bambini, animali e altri soggetti in movimento grazie alla velocità dell’otturatore e la modalità party, con la quale è possibile scattare in posti chiusi in condizioni di poca luce. Possiede un indicatore LCD e un foro per l’aggancio di un eventuale cavalletto. Il prezzo e' di circa 130 euro.



La nuova Leica Sofort è il primo tentativo del marchio tedesco nel campo delle compatte istantanee. Si tratta di una piccola e graziosa fotocamera. L’apparecchio monta un obiettivo 60 mm f/12,7 (equivalente a 34 mm nel formato 35 mm), l’otturatore meccanico supporta tempi da 1/8 a 1/400 secondi. Diverse le modalità di scatto da selezionare in base alla situazione in cui ci si trova. Possibilità di scatti multipli e lunghe esposizioni. La Leica Sofort entrerà sul mercato a novembre a un prezzo di 299 dollari.

Formato Instax Wide

Se il formato mini ci va stretto, possiamo scegliere fra le macchine che supportano l’interessante formato Instax Wide. Si tratta di un formato che produce foto di 62mm x 99mm Le macchine che consigliamo sono: 
La Fujifilm Instax WIDE 300 è una camera le cui caratteristiche principali sono: il mirino ottico, l’autofocus e la velocità dell'otturatore compresa tra 1/64 sec e 1/200 sec. Abbiamo inoltre il controllo automatico dell'esposizione, il flash elettronico e un monitor LCD. La Wide 300permette di poter intervenire in parte anche nell'esposizione della foto tramite un tasto L/D (Light-Dark) che ha la funzione appunto di schiarire o scurire la foto, cosa che potrebbe sicuramente tornare utile in casi di controluce o per esposizioni spot. Le dimensioni sono di 167.8 x 94.7 x 120.9 millimetri (L x A x P) per 612g senza batterie. Il prezzo è di circa 110 euro.
La Lomo’Instant Wide dotata di esposimetro esterno e telecomando infrarossi per scattare in qualsiasi situazione. Interessante lo shutter automatico che determina da solo la quantità di luce da far entrare nella tua foto.  Modalitá flash on/off, filtri colorati intercambiabili e compensatore di esposizione. Può montare lenti addizionali (Wide-Angle, Close-Up e Splitzer). Le dimensioni sono di 20 x 14 x 8 cm per un peso di circa 900 g. I prezzi vanno dai 199 euro della Lomo’Instant Wide Black o White ai 259 euro per la Wide Central Park (con le tre lenti).

Formato pellicola Polaroid 600



Per chi volesse acquistare una vecchia fotocamera Polaroid? La prima informazione che ci interessa sapere è che la Polaroid ha dismesso la produzione di pellicole per macchine istantanee dal 2008. Tuttavia ormai da qualche anno, The Impossible Project ha riavviato la produzione di film istantanei per Polaroid 600, SX- 70, Spectra e 8x10. Le nuove pellicole sembrano perfette per tecniche quali l’emulsion lift, l’image transfer e le transparencies. Il formato della pellicola e' di 8,8 x 10,7 cm. Impossible project ha anche lanciato una fotocamera instantanea di nuova concezione che supporta questo formato: La I-1


La I-1, è una "instant camera" chiaramente ispirata alle Polaroid tanto in voga in passato. L'aspetto esteriore combina elementi "vintage" con linee minimaliste. I pulsanti presenti sono ridotti al minimo: per accedere ad alcune impostazioni avanzate si utilizza un'applicazione per smartphone o tablet. Tramite i dispositivi mobile è possibile controllare apertura, tempo di posa, funzionamento del flash o azionare lo scatto in remoto. La connessione avviene tramite Bluetooth. Il flash è costituito da otto LED disposti in modo da formare un cerchio. I-1 ne regola l'utilizzo automaticamente, valutando parametri quali la luminosità ambientale e la distanza del soggetto inquadrato. Le foto vengono stampate su pellicole di tipo 600, mentre la ricarica viene effettuata sfruttando la porta USB. Le pellicole, che offrono 8 pose, hanno un costo di 18/20 euro. Lo sviluppo di una foto impiega circa 20 minuti. Bisogna attendere circa 20-30 minuti per la colorazione definitiva, un attesa che vale il risultato finale. Il peso e' di circa 440 g senza cartucce. Il prezzo è di 299 euro .

Fotocamere Istantanee Digitali

Si tratta di fotocamere digitali che stampano direttamente l’immagine. Sfruttano una nuova tecnologia chiamata Zink, che sta per Zero Ink, ovvero niente inchiostro. Non ci sono più cartucce o toner all'interno della stampante, ma il processo di stampa avviene grazie alla carta stessa. Nei fogli Zink sono presenti dei cristalli di colore neutro che possono assumere successivamente diversi colori grazie al calore emesso dalla stampante.  Ovviamente il look dell'immagine non è paragonabile a quello analogico. 


Polaroid Snap è una fotocamera compatta che stampa istantaneamente le foto in formato 2x3” senza usare inchiostro. Snap può scattare direttamente le foto grazie ad un sensore da 10 megapixel e un obiettivo f2.8 a lunghezza focale fissa, La fotocamera non ha uno schermo, ma ha un mirino a scomparsa sulla parte superiore, e ci sono tre modalità di scatto - a colori, bianco e nero e un filtro vintage Polaroid. Dimensioni di 12,19x 7,87 cm e un peso di 454 g. Il prezzo è di circa 130 euro.


La Polaroid Socialmatic è una fotocamera che dispone di due fotocamere. La principale è da 14 MP ed è equipaggiata con un flash LED, mentre la secondaria da 2MP per gli autoscatti.Dotata di due display touchscreen, uno per ogni fotocamera. Il primo display è da 4,5 pollici ed è essenziale per interagire con il sistema Polaroid (sistema basato su Android), il secondo invece mostra solo delle emoticons. Con il sistema operativo è Android si possono installare tantissime app dedicate al fotoritocco e modificare le foto a piacere e con effetti particolari. La particolarità di questa fotocamera è l’avere anche una funzione per la stampa istantanea, è stato inserito un alloggiamento per 10 fogli Zink che permettono di stampare e sviluppare in tempo reale con dimensioni di 5 x 8 centimetri. Il prezzo e' di circa 380 euro.

Leggi tutto...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | coupon codes